sabato 2 maggio 2020

Creare motivazione per il cibo senza deprivazione.

di Barbara Heidenreich
Presentata per la prima volta alla conferenza The Animal Behaviour Management Alliance 2005


terza parte.
Traduzione Aurora.

I rinforzi primari hanno risultati variabili in base alla situazione. Ad esempio, un animale sazio può considerare un rinforzo alimentare di minor valore rispetto a un rinforzo secondario. Tuttavia, un animale che non è sazio può dimostrare un'intensa volontà di compiere il comportamento in presenza di un rinforzo primario. La volontà di compiere un comportamento per un rinforzo primario può essere creata considerando una varietà di strategie che non si basano sulla deprivazione o sulla compromissione della salute degli animali.
Di seguito è riportato un elenco di strategie che possono incoraggiare una risposta migliore a un rinforzo alimentare.
Offrire gratuitamente una dieta di base e riservare gli alimenti preferiti per le sessioni di addestramento: questa strategia consente a un animale di accedere sempre al cibo. Tuttavia, la motivazione per il cibo è dovuta al desiderio di ottenere gli alimenti preferiti durante le sessioni di addestramento. Esempio: i pappagalli in un santuario avevano sempre una dieta a pellet nella loro ciotola. Gli uccelli hanno ricevuto arachidi, semi di girasole, frutta e verdura durante le sessioni di addestramento. In un gruppo di 50 psittaciformi, ogni uccello ha risposto con energia ai prodotti alimentari offerti durante l'addestramento. Un'ara gialloblu è stata addestrata a sottoporsi volontariamente al nebulizzatore usando questa strategia di alimentazione.(Heidenreich, 2004)
Gestire la consegna di cibo: la quantità e il tipo di cibo che l'animale riceve non viene modificato. Invece di presentare l'intera dieta in un unico momento, la dieta viene offerta in porzioni durante il giorno nelle sessioni di addestramento. Alla fine della giornata, la maggior parte della dieta deve essere offerta all'animale. Esempio: una puzzola in una struttura faunistica riceveva una dieta fissa presentata in una ciotola alle 17:00 ogni sera. La ciotola vuota veniva rimossa al mattino. La motivazione per il cibo è stata creata prendendo in considerazione quella stessa dieta e offrendone delle porzioni durante le sessioni di addestramento durante il giorno. Qualsiasi alimento non utilizzato durante la sessione di addestramento veniva offerto alla puzzola al termine dell'ultima sessione di addestramento. La puzzola riceveva l'intera dieta ogni giorno. Tuttavia, il comportamento della puzzola è cambiato radicalmente. Prima di gestire la consegna della dieta, la puzzola di solito dormiva ogni volta che i guardiani si avvicinavano. Dopo aver gestito la dieta e avviato un programma di addestramento, spesso la puzzola attendeva
alla porta prima della sessione di addestramento. Inoltre la puzzola consumava prontamente porzioni della dieta offerte durante la sessione di addestramento. La puzzola è stata addestrata a svolgere un'azione concatenata, quale camminare da una cuccia a una ciotola, scavare nella terra, camminare fino a un sacco di immondizia, scavare nella spazzatura e entrare in una cuccia per essere presentata per programmi educativi.
Nutrire fino a quando l'animale non è sazio in ogni sessione di addestramento: questa strategia prevede l'utilizzo della dieta degli animali durante una sessione di addestramento. La sessione di addestramento continua fintanto che l'animale è disposto a mangiare. Quando l'animale mostra segni di sazietà, la sessione termina e non viene più offerto cibo. Vengono portate a termine molte altre sessioni in cui l'animale mangia di nuovo fino a quando è sazio. Alla fine della giornata non viene offerto più cibo. Il peso e la risposta dell'animale al cibo in ogni sessione possono essere monitorati per aiutare a identificare il numero appropriato di sessioni di addestramento al giorno. Esempio: a un visone presso la struttura di riabilitazione della fauna selvatica sono stati offerti dei topi durante le sessioni di addestramento. Sebbene il visone fosse ansioso di partecipare, alla fine il visone ha iniziato a nascondere dei topi nell'area di addestramento. Il visone ha continuato a presentare tale comportamento nei confronti del cibo che avrebbe poi nascosto. Tuttavia, il comportamento del nascondere è stato preso come indicazione di sazietà. Le sessioni si concludevano in seguito a comportamenti tali ripetuti. Due sessioni al giorno permettevano al visone di mangiare fino a quando non fosse sazio e mantenere un peso corporeo relativamente stabile e una risposta al cibo durante le sessioni di addestramento. Il visone è stato addestrato a prendere di mira, entrare in una cuccia, salire su una bilancia, consentire il contatto, consentire un'imbracatura e svolgere una breve azione concatenata, quale saltare su un ceppo e correre lungo un tronco.
Usare piccoli rinforzi: una pratica comune nella comunità degli animali domestici è l'uso di rinforzi di grandi dimensioni. Sfortunatamente l'uso di rinforzi alimentari molto grandi può ridurre rapidamente la motivazione per il cibo. Mentre un rinforzo di grandi dimensioni può fornire una determinazione utile per un rinforzo di grandezza per un comportamento, in generale l'uso del rinforzo più piccolo che un animale è disposto ad accettare può fornire a un addestratore molte più opportunità per rafforzare il comportamento desiderato. Esempio: un proprietario di un pappagallo conuro del sole voleva addestrare il suo pappagallo a salire sulla sua mano senza mordere. Il rinforzo preferito dell'uccello erano i cracker goldfish. All'inizio dell'addestramento il proprietario offriva un intero cracker goldfish per avvicinarsi al comportamento desiderato. Dopo due ripetizioni e due cracker l'uccello era sazio e non aveva più interesse per la sessione di addestramento. Per la sessione successiva il proprietario rompeva il cracker in piccoli pezzi. L'uccello procedeva attraverso tutti gli step verso il comportamento desiderato in una sessione e consumava un solo cracker nel processo.
Addestrare poco prima di un orario di alimentazione regolarmente programmato: secondo questa strategia gli animali sono alimentati con una dieta che in genere è più di quanto possano mangiare in un giorno. Tuttavia, la dieta dovrebbe non rimanere nel recinto per 24 ore. Nei momenti immediatamente precedenti la ricezione di una nuova porzione fresca di cibo, spesso gli animali sono motivati a mangiare e possono partecipare a una sessione di addestramento. Questo può quindi essere seguito dall'alimentazione regolare. Esempio: una voliera di varie specie che si nutre da ciotole riceveva normalmente le sue porzioni quotidiane alle 8:00. Alle 7:30 del mattino, sono state condotte con successo sessioni di addestramento, quali entrare in trasportini e stare in piedi su una bilancia per gli alimenti normalmente ricevuti nella dieta. Gli uccelli hanno continuato ad avere accesso a quantità gratuite di cibo per tutto il giorno. Alle 17:00 il cibo non consumato veniva gettato via.
Evitare la sovralimentazione pesando l'animale e la dieta per determinare un intervallo che funzioni per quell'animale: il monitoraggio del peso di un animale è utile per monitorare la salute generale. Tuttavia, misurando anche la quantità di cibo di cui un animale ha bisogno per mantenere un peso sano, può essere preparata una dieta che può consentire a un animale di mantenere la motivazione a mangiare durante le sessioni di addestramento, ma che al termine sazierà completamente l'animale. Spesso l'obiettivo è lavorare per mantenere il peso più alto possibile e la massima quantità di cibo possibile, pur mantenendo la risposta al cibo durante le sessioni di addestramento. Esempio: spesso tale misurazione del cibo può essere vista con uccelli come falchi, aquile e altri uccelli che vengono fatti volare. In genere il falco viene pesato al mattino. Viene preparata una dieta che si stima mantenga il peso attuale dell'uccello. Durante l'addestramento si osserva l'attenzione dell'uccello per il cibo e la volontà di presentare il comportamento in circostanze normali e calme. A seconda della risposta dell'animale durante la sessione di addestramento, la dieta può essere adattata. Viene identificato un intervallo di peso che di solito corrisponde a una risposta accettabile al cibo durante la sessione di addestramento. La dieta è preparata per mantenere l'uccello in quella fascia di peso e adattata quotidianamente in base alla risposta durante le sessioni di addestramento. Altre condizioni possono influenzare il peso e il comportamento, come il tempo meteorologico, l'età, i cibi, ecc. Anche questi sono presi in considerazione nella valutazione di pesi e diete.

giovedì 30 aprile 2020

Io resto a casa...

Video collage.

Cacapo, il pappagallo che non vola.

Nuove speranze per il Cacapo, il pappagallo che non vola si sta ripopolando.

https://www.repubblica.it/ambiente/2020/03/18/news/cacapo_il_pappagallo_che_non_vola_ora_si_sta_ripopolando-251592436/

sabato 25 aprile 2020

COVID19

https://m.ilgiornale.it/news/cronache/medicinale-covid-19-gi-prenotato-negli-usa-parla-professore-1854290.html

giovedì 23 aprile 2020

GESTIRE LA CONSEGNA DEL CIBO PER CREARE   MOTIVAZIONE.

di Barbara Heidenreich
Presentata per la prima volta alla conferenza The Animal Behaviour Management Alliance 2005


seconda parte.
Traduzione Aurora.

Il cibo come valido strumento di addestramento.

Sebbene sia noto che molti tipi di rinforzi sono utili, l'obiettivo di questo articolo è l'uso del cibo come rinforzo. In determinate circostanze il cibo ha il potenziale per essere un potente rinforzo. Senza sottovalutare il valore dei rinforzi secondari, è importante riconoscere che l'uso del cibo è un valido strumento di addestramento. Sfortunatamente in alcuni circoli di addestramento, l'uso del cibo per l'addestramento viene visto come un fallimento dell'addestratore. Si sostiene anche che un addestratore “migliore” non avrebbe bisogno di utilizzare il cibo per l'addestramento o che dovrebbe utilizzare solo rinforzi secondari.
Inoltre, l'uso del cibo per rafforzare il comportamento è stato talvolta descritto come una "bustarella" o un "payoff" inappropriato per il comportamento. Mentre il corrompere, l'adescare, il lusingare sono ben definiti dall'analisi comportamentale e possono svolgere una funzione nel cominciare a delineare un comportamento, le implicazioni spesso sono più equiparate alle connotazioni sociali che ai principi dell'analisi comportamentale. Poiché è risaputo che il cibo è un rinforzo naturale per il comportamento, diventa difficile percepire l'uso del cibo in una situazione di addestramento come un fallimento.
In natura e in cattività gli animali svolgono spesso comportamenti per guadagnare rinforzi alimentari. Questo comportamento può essere semplice come camminare dal punto a al punto b per nutrirsi da una ciotola, fino al presentare comportamenti di foraging complessi che richiedono a un animale di esprimere i suoi adattamenti per l'alimentazione, e al partecipare a una sessione di addestramento organizzata. I ricercatori hanno coniato il termine "contrafreeloading" per descrivere il fenomeno secondo cui gli animali scelgono di eseguire un'azione appresa per ottenere rinforzi anche quando gli stessi rinforzi sono disponibili gratuitamente. Ad esempio, data la scelta tra guadagnarsi il cibo e ottenere cibo gratis, gli animali tendono a scegliere di guadagnarselo, spesso piuttosto duramente, pur avendo una ciotola di cibo pronto posta proprio accanto a loro. Questo fenomeno è stato studiato anche con ratti, topi, galline, piccioni, corvi, gatti, gerbilli, pesci siamesi combattenti, e umani (Osborne, 1977); storni (Inglis & Ferguson, 1986); Buceri abissini macinati e hocco faccianuda (Gilbert-Norton, 2003); e pappagalli in cattività (Colton, et al., 1997). Ci sono diverse ipotesi interessanti che spiegano perché si verifichi questo fenomeno. Ad esempio, il comportamento di contrafreeloading può essere motivato da comportamenti di foraging  innati altrimenti ostacolati in cattività; gli animali possono impegnarsi in comportamenti alla ricerca di informazioni mentre si ingegnano per prevedere la posizione di fonti di cibo ottimali; oppure potrebbero rispondere al rinforzo aggiuntivo fornito dai cambiamenti di stimolo quando si lavora per il cibo. (Friedman, 2005) 1997).
Il cibo ha anche il potere di rafforzare il comportamento quando le condizioni potrebbero non essere adatte all'uso di rinforzi secondari. Ad esempio, un animale che non ha una storia di rinforzo positivo con un addestratore potrebbe non considerare attenzione o stimoli tattili rinforzi. Questo animale potrebbe anche non dimostrare un livello di comfort che gli consentirebbe di impegnarsi in attività di gioco in presenza del trainer. In queste situazioni in particolare, il cibo può essere un ottimo rinforzo per qualsiasi comportamento accettabile. Ciò può consentire all'animale di associare un rinforzo positivo alla presenza dell'addestratore e può cambiare la dinamica della relazione tra l'animale e l'addestratore spesso molto più rapidamente rispetto al non utilizzo di cibo. Questo stesso concetto può essere applicato ad altri oggetti o circostanze che possono suscitare un sentimento di paura negli animali, quali oggetti associati al contenimento o la presenza di oggetti non familiari.
Una volta che il cibo è accettato come rinforzo positivo, ciò consente anche all'addestratore di accoppiare il cibo con altri rinforzi per aumentare l'elenco dei rinforzi disponibili per quell'animale. Il cibo può essere usato per incoraggiare gli animali a interagire con oggetti di arricchimento, accettare stimoli tattili e persino accettare altri prodotti alimentari come rinforzi.
Quando il cibo è considerato uno strumento di addestramento, può anche aprire le porte a diverse strategie di addestramento. Ad esempio, alcuni addestratori si affidano a cinghie di pelle per mantenere il comportamento di posarsi sulla mano con specie di uccelli come tucani, corvidi e kookaburra. Mentre l'uso di cinghie è una pratica con una lunga storia per le specie di rapaci, ha il potenziale di causare rischi per la salute delle specie di uccelli con zampe delicate. Le cinghie di pelle utilizzano il rinforzo negativo per ottenere il comportamento di poggiarsi sulla mano. L'uso del cibo per addestrare a tale comportamento, offre all'addestratore l'opportunità di concentrarsi sull'uso di tecniche di rinforzo positive ed evitare le potenziali lesioni che possono essere causate alle specie non rapaci che indossano cinghie. (Edmonds, 2002)
Un altro vantaggio dell'uso del cibo per rafforzare il comportamento è che può essere creata una situazione in cui l'animale può imparare molto velocemente. Ad esempio, durante una sessione di addestramento di venti minuti, un trainer può avere l'opportunità di rafforzare più volte gli step verso il comportamento desiderato. Ogni rinforzo diventa un'opportunità di apprendimento per quell'animale. Ad esempio un pappagallo può apprendere un intero comportamento (come salire sulla mano, fare un cenno, girare, baciare) in una singola sessione di addestramento quando il cibo viene offerto come rinforzo positivo e l'uccello è ricettivo al cibo.

sabato 18 aprile 2020

Kirú dolce Kirú....

Nonostante i precedenti chiarimenti sull'effettiva identità di Kirù ( chiarimenti imposti dai dubbi sollevati, a vario titolo, dalle persone coinvolte nella BEN nota vicenda), sono costretto a tornare sulla questione.

La migliore risposta, per coloro i quali, sul Social, insistono nel creare un mistero, che esiste solo nelle loro menti, risiede nella cronologia di queste 3 immagini: FOTO 1 : 9 agosto 2019 copertina petizione dal gruppo IOSTOCONKIRU --- FOTO 
2 : settembre 2019 Foto (mossa) ma che raffigura Kirù finalmente con me, dopo la restituzione da parte della Procura. --- Foto
 3: 15 aprile 2020 sempre da me, dove si cimenta nel foraging --- ORA, non occorre scomodare il RIS di Parma per riscontrare la perfetta uguaglianza della linea che rimarca il bianco e il nero.
(Pur facendo presente che il becco dei pappagalli e' sempre in crescita nelle varie mute e quindi i "disegni" potrebbero variare ). Ciò al fine di fugare, UNA VOLTA PER SEMPRE, i dubbi e consentire a chi, evidentemente, ha fin troppo tempo per fantasticare, di dedicarsi magari alla scrittura di gialli o legal thriller ( con quali risultati, mi astengo dal pronosticarlo)... Kirù è il pappagallo raffigurato in tutte e TRE LE FOTO! --- Resta comunque valido il mio invito: chiunque può venire a visitare la sede della mia Associazione e incontrare Kirù, previa telefonata (solo per non far fare magari un viaggio a vuoto ). 
Mi auguro di aver posto fine a questo "stillicidio" giornaliero ... è o non è ? 😉 Buona Vita!

venerdì 17 aprile 2020

Gestire la consegna del cibo per creare   motivazione.

di Barbara Heidenreich
Presentata per la prima volta alla conferenza The Animal Behaviour Management Alliance 2005


prima parte.
Traduzione Aurora.


Riassunto.

Nella comunità di addestramento degli animali, il cibo è spesso usato come rinforzo primario per ottenere un comportamento desiderato. Mentre alcuni animali rispondono immediatamente ai rinforzi alimentari, alcuni animali o situazioni possono ridurre il valore del cibo come rinforzo. Un malinteso comune è pensare che gli animali debbano essere gravemente deprivati affinché si crei motivazione per il cibo. In questo articolo verranno esplorati i molti metodi che possono essere utilizzati per creare motivazione per il cibo senza deprivazione. Questi metodi includono l'esame dei prodotti alimentari presentati e, quando viene fornito il cibo, l'utilizzo di concetti di formazione per aumentare la motivazione e altro ancora. Verranno forniti casi di studio che dimostrano l'applicazione di varie strategie.

Rinforzi.

I rinforzi sono usati per rinforzare un comportamento. Friedman definisce il rinforzo positivo come la presentazione, a seguito di un comportamento, di uno stimolo che serve a mantenere o aumentare la frequenza del comportamento stesso. I rinforzi positivi tendono ad essere stimoli apprezzati o piacevoli. Per ottenere rinforzi positivi, gli animali in addestramento spesso, con entusiasmo, vanno oltre il minimo sforzo necessario per ottenerli. (Friedman, 2005) Poiché anche il rinforzo negativo serve a rafforzare il comportamento, nell'articolo il rinforzo positivo e i rinforzi saranno la questione principale.
Il cibo è un rinforzo primario. I rinforzi primari sono definiti come rinforzi necessari alla sopravvivenza della specie. Sono anche definiti come stimoli di rinforzo che hanno acquisito le loro proprietà in funzione della storia della specie.(Cambridge Center for Behavior Studies) I rinforzi secondari sono rinforzi che dipendono dalla loro associazione con altri rinforzi. Sono anche chiamati rinforzi condizionati. (Cambridge Center for Behavior Studies)

I rinforzi sia primari che secondari sono preziosi strumenti di addestramento. 

Decidere quale strumento (i) usare richiede un'attenta considerazione. Gli addestratori possono eseguire una valutazione del rinforzo per vedere quali attività, alimenti, luoghi, interazioni tattili, ecc. appaiono come rinforzi. Se si tratta di un elenco breve, gli addestratori possono associare i rinforzi esistenti a una vasta gamma di altri stimoli per dare vita a un elenco più lungo.
In generale, più è lungo l'elenco dei rinforzi disponibili, più un addestratore può essere preparato a una varietà di circostanze. Inoltre, una lista di rinforzi consente di prendere in considerazione altre strategie per aumentare le prestazioni del comportamento, come il rinforzo variabile.


giovedì 16 aprile 2020

Kirú dolce Kirú e manco la conosci 😂😂😂

In tempi di pandemia e quarantena mi chiedo se la Betteto non abbia nulla di meglio da fare.... 

Probabilmente no, ma foss'anche non si deve preoccupare delle mie bugie ma casomai delle sue che da sempre racconta. 
Kirú sta bene e vive in una voliera con Kia questa notizia é confermata da tutte le persone che hanno avuto il coraggio di venire a conoscerla nella casa dove è ritornata dallo scorso settembre. 
Personalmente non trovo più il modo di indignarmi su ciò che scrive lei e il suo gruppo di falsarie, ma rinnovo a tutti i curiosi a far visita a Kirú terminata la pandemia. 

Come tutti sanno Kirú porta un microcip di riconoscimento pertanto portatevi un lettore così sarete sicuri di vedere Kirú. 
Postare questo materiale su un gruppo Social con l'obiettivo di avere maggior visibilità?
Povera donna dopo aver conosciuto per bene cosa è la vostra "testa di legno" pensa di essere credibile?
Suvvia non offenda l'intelligenza di chi vi legge, e come certamente noterà scrivo al plurale, perché tutti noi sappiamo che lei è solo la poveraccia che posta, una sorta di "povera segretaria" che ci mette la faccia al posto di altri. 
Catenazzo "tutto fare" passa dal vestire i panni della Maggiore della finanza alla badante, dalla scribacchina alla giardiniera della villa che non ha....
Nella foto di destra Kirú ai tempi in cui era ospitata a casa sua, a sinistra a casa mia dove ha vissuto da quando aveva 4 mesi, inutile voglia anche indossare la veste di chi sa di linee di becchi, calzi il pigiama col grembiulino davanti, al momento è l'unico abito che si può permettere.
Anche lei finita la quarantena, se ha il coraggio, venga con il lettore di microcip per verificare chi è il soggetto il foto.

Entrambe se avete del tempo libero, dopo aver tagliato i rami secchi, siamo in primavera, l'erba cresce,  nella vostra città avrete delle aiuole, andate a tagliare l'erbetta con la forbicina così investirete il vostro tempo libero nel sociale. 

mercoledì 15 aprile 2020

Il pappagallo...

IL PAPPAGALLO: UNO DEGLI ANIMALI PIÙ INTELLIGENTI CHE ESISTANO.... 

Nella nostra vita siamo abituati ad interagire con i nostri animali,  convinti che loro capiscano le nostre parole. Effettivamente è così: se  un cane viene addestrato a dovere, anche dagli stessi padroni, i risultati saranno realmente sorprendenti. È risaputo che la parte fondamentale di questi insegnamenti sia il “premio” nel caso questi ascoltino i nostri comandi.
Altrettanto, nell’arco di una vita, a tutti è capitato di incappare in un pappagallo parlante. La sensazione è particolarissima, poiché sentire delle parole di senso compiuto uscire dal becco di un animale non corrisponde affatto alla normalità.  Si tratta di una caratteristica unica e peculiare di questo tipo di  uccelli. Non è l’unica però: parliamo infatti di uno degli animali più  intelligenti al mondo.
Colore e materia grigia
Oltre ad essere tra le specie più colorate che esistano in natura infatti, i pappagalli sono anche tra quelle più intelligenti. Il fatto che inoltre siano in grado di riprodurre i suoni che ascoltano attorno a loro, li rende ancora più speciali.
Da sempre infatti questa caratteristica li ha resi interessanti agli  occhi dell’uomo, fornendo spunti per ricerche mirate. Da uno studio  compiuto dall’Università dell’Alberta, in Canada, è stato confermato quanto detto poco sopra. I risultati pubblicati sulla rivista Scientific Reports hanno segnalato la presenza di una zona del cervello dei pappagalli più grande rispetto al resto del regno degli uccelli.
Ci riferiamo al nucleo spiriforme mediale, ovvero il collegamento tra corteccia e cervelletto.  Facendo riferimento all’anatomia umana, stiamo parlando  dell’equivalente del “nucleo pontino”. Ricapitolando, parliamo di un  animale bello, divertente e soprattutto intelligente. Cosa c’è di meglio?

Guglielmo Allochis

sabato 11 aprile 2020

I pericoli dell'allevamento a mano dei pappagalli.

I PERICOLI DELL’ALLEVAMENTO A MANO DEI  PAPPAGALLI .
di Liz Wilson - traduzione di Marco Giaquinto.
In vent’anni di lavoro insieme a veterinari aviari, ho potuto frequentemente constatare quanto sia facile per chi non ha esperienza nell’allevamento a mano creare seri danni a livello fisico e psicologico ai piccoli di pappagallo. A riprova di quanto detto, molti giovani pappagalli soccombono nel frattempo che gli esseri umani fanno pratica. Dalla mia esperienza posso dire che la morte di tali piccoli indifesi sopraggiunge solitamente per una o più delle seguenti ragioni: inedia, polmonite da inalazione, ustione del gozzo ed infezioni batteriche e/o fungine.
Quando i nuovi proprietari telefonano ai negozianti e/o agli allevatori lamentando il fatto che i giovani pappagalli chiedono insistentemente di essere nutriti, persone inesperte potrebbero mal interpretare la situazione e supporre che il pappagallo sia solo viziato anziché realmente affamato. Così, il consiglio che spesso viene dato è semplicemente quello di ignorare il piccolo. Di conseguenza viene anche suggerito di mettere i piccoli in una stanza lontana della casa oppure in garage, in modo tale che il loro costante lagnarsi non crei troppo fastidio. 
Purtroppo, senza ulteriori informazioni, queste persone benintenzionate, ma disinformate, che si parlano al telefono, non sono effettivamente in grado di stabilire se il pappagallo mugola perché viziato o perché realmente affamato. Troppo spesso sono stata testimone di situazioni in cui, ai nuovi acquirenti, sono state fornite istruzioni incomplete e/o imprecise sulla frequenza con la quale alimentare i piccoli e/o la quantità di cibo da somministrare loro. A volte le indicazioni date non erano sufficienti a mantenere in vita (tantomeno a far crescere) un piccolo di pappagallo. In realtà, non posso dire se sia stato il personale del negozio a sbagliarsi o i nuovi proprietari a fraintendere, ma in ogni caso si causa una terribile sofferenza ai piccoli. Se questi ultimi sopravvivono, le ripercussioni a lungo termine comprendono problemi cronici a livello fisico ed anche difficoltà molto serie di natura psicologica, che potrebbero distruggere la loro potenziale capacità di essere dei buoni animali da compagnia in futuro. 
POLMONITE
Coloro che si cimentano nell’allevamento a mano senza un’adeguata esperienza spesso non sanno quanto possa essere facile per un pappagallo inalare accidentalmente un po’ di formula da imbecco: ciò può accadere sia che quest’ultima venga somministrata in modo troppo veloce oppure troppo lento.  Il cibo inspirato provoca un grave problema di salute chiamato “polmonite da inalazione”, al quale raramente i pulli di pappagallo sopravvivono. Alcuni allevatori rispettabili, passano ad alimentare con cucchiaio i piccoli non ancora svezzati prima di darli ai nuovi proprietari, preoccupandosi di cederli quando hanno ormai bisogno di una sola imbeccata al giorno. L’alimentazione tramite cucchiaio richiede più tempo rispetto a quella con la siringa e può creare molto più disordine, ma in definitiva è più sicura per la salute dei piccoli dal momento che le probabilità che il cibo venga inalato sono praticamente nulle. 
USTIONI DEL GOZZO
Incredibilmente comuni, le ustioni del gozzo si verificano quando la formula da imbecco viene servita troppo calda. Spesso è la conseguenza dell’utilizzo del forno a microonde, le cui onde appunto generano i cosiddetti “punti caldi”. Il proprietario del pappagallo non si rende conto del danno causato se non qualche giorno dopo, quando l’ustione all’interno del gozzo produce delle fistole, rendendo visibili le lesioni anche all’esterno; in altre parole il gozzo appare chiaramente ustionato. Se la situazione non viene sottoposta rapidamente all’attenzione di un veterinario aviario competente, possono verificarsi serie complicazioni dovute a batteri o funghi. 
Le ustioni del gozzo sono facili da prevenire: è sufficiente mescolare con cura il pastoncino e misurandone la temperatura con un termometro da cucina prima di servirlo. 
INFEZIONI BATTERICHE E FUNGINE
Tutti i piccoli di animali, inclusi i pappagalli, sono particolarmente predisposti ad ammalarsi per via del loro sistema immunitario non ancora del tutto sviluppato. Per questo motivo è indispensabile prestare la massima cura all’igiene. Tutti gli attrezzi necessari all’allevamento a mano dovrebbero essere sterilizzati ogni volta che vengono impiegati e la formula da imbecco, una volta preparata, non dovrebbe essere MAI riutilizzata.
I primi sintomi di un piccolo che sta per ammalarsi possono essere estremamente difficili da individuare e il più delle volte sfuggono all’attenzione dei meno esperti, portando il pappagallo ad una rapida fine. Quando un allevatore capace si chiede se ci sia qualche problema, allora è il momento in cui dovrebbe contattare il veterinario: un atteggiamento del tipo “aspettiamo e vediamo” porta generalmente alla morte del soggetto.  
CONCLUSIONI
Naturalmente, la tecnica dell’allevamento a mano è un’operazione estremamente complessa, con enormi probabilità di fallimento. Insegnare ad un novizio come si alleva a mano non può essere fatto in un paio di minuti, magari poco prima della cessione di un pappagallo non ancora svezzato. 
Allora perché, vi chiederete, la gente si assume questa gravosa responsabilità? Dalla mia personale esperienza posso dire che quando si espongono i possibili pericoli, la gente cambia in fretta idea sullo svezzare da sé i pappagalli ed è felice di affidarsi a persone competenti che completeranno l’incombenza per loro. 
Ma se allevare a mano è potenzialmente così pericoloso, perché sono tante le persone inesperte che vengono incoraggiate a portarsi a casa soggetti non ancora autonomi? Semplice, perché l’allevamento a mano richiede un impegno incredibilmente intenso: quanto prima il pappagallo viene ceduto, tanto più alto è il profitto per il negoziante o l’allevatore. È dunque nell’interesse di chi deve vendere convincere l’acquirente che allevare a mano un pappagallo è una procedura facile e sicura. 
L’espressione “Il compratore faccia attenzione” vi suona familiare?  
Tra l’altro, l’idea secondo la quale i pappagalli legano solo “alla persona che li alimenta” è semplicemente infondata. Come ho menzionato prima, la tecnica dell’allevamento a mano dei pulli destinati al commercio è apparsa soltanto una ventina di anni fa. Gli esseri umani, invece, detengono in cattività i pappagalli come animali da compagnia da migliaia di anni: in passato essi venivano catturati nel loro ambiente naturale ed addomesticati. NON si trattava certo di piccoli allevati a mano. Si può realmente pensare che prima di 15 anni fa nessuna persona abbia mai stretto un forte legame con un pappagallo?
L’attaccamento tra uomo e pappagallo è un argomento complesso, che merita una trattazione a parte in futuro. Basti dire che non c’è bisogno di essere l’unica persona con la siringa in mano per far sì che il vostro pappagallo vi dimostri affetto; è necessario invece essere la persona disposta a prendersi cura di lui, ad educarlo e proteggerlo … la sola persona della quale il piccolo imparerà a fidarsi. 


--------------------------------------------------------------------------
Questo articolo è stato inizialmente pubblicato su CAGED BIRD HOBBYST e 
poi ristampato con il permesso dell’autrice.   
 Liz Wilson ha vissuto e lavorato con i pappagalli per più di 45 anni, dedicando la sua vita allo studio e al benessere di questi uccelli. Era un tecnico veterinario specializzato in gestione di specie aviarie ed animali esotici ed ha prestato la sua collaborazione in qualità di  consulente comportamentalista all’International Association of Animal Behaviour degli Stati Uniti per più di 20 anni, divenendo la fondatrice  del reparto Psittacidi.  
La sua fama a livello mondiale è stata raggiunta anche grazie a conferenze e seminari. Ha scritto numerosi articoli per importanti riviste specialistiche quali: Bird Talk, The Pet Bird Report, Parrots Magazine, e molti altri.
 I suoi contributi sono stati pubblicati in Giappone, Germania, Paesi Bassi, Gran Bretagna, Spagna, Italia, Cina, Svezia e Russia. 
Liz Wilson si è spenta il 13 aprile 2012.

venerdì 10 aprile 2020

In tempo di...

In tempo di Coronavirus le serie tv sono le nostre miglior compagne anti noia
Abbiamo visto tutte le stagioni del Trono di Spade, della Casa di carta, tutta la saga di Harry Potter,con la maratona di Jessica Flatcher siamo diventati detective e con Grace's Anatomy siamo tutti medici... Ora però pare certo che un famoso regista sta preparando una stagione inedita di una serie animaldetectivespystory... Insomma un Minestrone di generi ben miscelati, ispirati ad una real summer story.
Il titolo sarà "I segreti di Parrots town". La serie teleSocial italiana è italiana ed è autoprodotta grazie ai finanziamenti ricavati da una vendita di gadget la scorsa estate. Sarà considerata una delle serie più influenti della Storia Social, tanto da poter dividere la storia di Feisbuc in prima e dopo "I Segreti di Parrots town".
La storia è ambientata tra le pianure sconfinate e verdeggianti della Lomellina, la brumosa Torino e la capitale.
L'apparente vita tranquilla di una nobil Graduata Signora viene sconvolta dalla notizia dell'invito a restituire un magico Pennuto dalle penne color rubino (personaggio che ha già ispirato un thriller) al legittimo proprietario, un popolare artista ed animal Trainer.
La disperazione, porta la Nobil Maggiora a registrare video strappalacrime su ogni canale Social, si intrufola in meetings ornitologici per cercare proseliti e seguaci... Fino a che trova uno strambo personaggio:un certo VeterinariAttore con l'hobby delle soap e delle spy story. Il duo viene contattato da una Professoressa Minestraia con la passione della scrittura, attività che le porta non poco successo, in quanto i suoi scritti necessitano di spiegazioni on line per carpire i segreti delle sue pozioni. Il fantastico trio si riunisce in videoconferencecall fiume, aprendo la strada allo Smart working e quasi presagendo i risvolti tecnologici di questa nuova era.Le riunioni fiume vertono su un unico target:riavere il magico Pennuto, afflitto, a dir del VeterinariAttore da molteplici magagne.
Si sprecano pagine di prove e controprove, accuse e contraccuse, anche grazie al GiullarGiuanet che si presta a sviare le indagini e a buttar fumo negli occhi del pubblico. Attenzione a questo personaggio, perché come in molti film, sarà colui che verrà usato come esca, cavia, accusatore,vittima,carnefice,saggio e pazzo allo stesso tempo... Per venire poi abbondanato come l'ultimo degli ultimi.
Ma torniamo alla storia.
Il quartetto mette in scena una storia permeata da un'atmosfera di doppiezza e ambiguità il cui stile si colloca tra la soap opera, la detective story e l'horror, a cui si sovrappone una dimensione sovrannaturale.
Chi seguirà la serie si confronterà con curiosi personaggi al limite dell'assurdo, il più delle volte inutili... (la Signora Lavazza, Il Vecchio Calza, il Cantante Distonato, il GiganteNano, L'Amautide religiosa, la Maggiora travestita, il Dottor Nulla...) 
Stiamo tutti aspettando con ansia la registrazione dell'ultimo episodio... State incollati al divano ma soprattutto STATE A CASA. 

Ps:ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è PURAMENTE CASUALE e frutto della Fantasia (oppure no.. Chi lo sa..) dell'autore. 
L'ispirazione è tratta dal Web. Wikipedia fonte bibliografica.

mercoledì 8 aprile 2020

Cardo Mariano

Un seme che non dovrebbe mai mancare nella dieta dei pappagalli 

Proprietà officinali.

Dagli acheni del cardo mariano si estrae la silimarina, una miscela di flavonolignani (silibina, silidianina, isosilibina e silicristina) noti per le proprietà depurative e protettive sul fegato. Il cardo mariano viene utilizzato in tutte le epatopatie (alcolichetossico-metabolicheiatrogene e croniche) in cui sia rilevato un danno anatomo-funzionale,[2] dato che effettua un'azione rigeneratrice nei confronti della cellula epatica e rende più resistente la cellula nei confronti degli agenti epatotossici.[3] Inoltre è un efficace antiossidante dato che cattura i radicali liberi.[3]

L'utilizzo a scopo terapeutico di questa pianta è noto fin dall'antichità ma l'isolamento e la caratterizzazione dei principi attivi sono stati completati negli anni settanta.

Le radici hanno proprietà diuretiche e febbrifughe. Le foglie hanno proprietà aperitive.

Wikipedia. 


Tra le piante officinali il cardo mariano è una delle più apprezzate e rispettate, soprattutto quando si parla di benefici di depurazione e di benessere al fegato. Le sue proprietà benefiche sono da imputare alla silimarina ed a una miscela di flavonolignani in grado di svolgere una interessante attività protettiva sul fegato. E’ dimostrato inoltre che la silimarina inibisce la produzione di lecotriene il che spiega il suo effetto antinfiammatorio e la sua azione rigeneratrice delle cellule epatiche. Molto valide anche le sue proprietà antiossidanti, ovvero l’azione anti-radicali liberi del cardo mariano, così come la sua capacità di rinforzare le pareti dei capillari quindi svolge anche un’azione benefica su circolazione e cuore.

https://www.iltrespolo.com/alimentazione-e-salute-pappagalli/il-cardo-mariano-in-ornitologia.html/

https://www.cure-naturali.it/enciclopedia-naturale/rimedi-naturali/erboristeria/cardo-mariano.html




Conuro Testa Blu in piena libertà


CONURO TESTABLU IN PIENA LIBERTÁ
Da molto tempo desideravo sperimentare personalmente il mantenimento di uno o più pappagalli in piena libertà. A questo scopo era necessario essere residente in un luogo molto tranquillo e con pochi vicini tolleranti, situazione che ho finalmente raggiunto da pochi anni. Inoltre ero cosciente del fatto che avrei dovuto scegliere per il piccolo esperimento una specie di pappagallo tendenzialmente residente e non vagabonda come l’ondulato o la calopsitta che fatalmente tendono ad allontanarsi dal luogo natio, e neppure specie pendolari a grandi distanze come i pappagalli di grande taglia (cenerini, amazzoni, ara, cacatua) che tendono ad allontanarsi molto e che tornerebbero anche a casa se disponessero dei genitori a insegnargli a muoversi con sicurezza lungo un percorso che può anche essere di decine di chilometri.
Le specie più adatte sono probabilmente la maggior parte degli africani (inseparabili e Poicephalus di piccola taglia), i conuri in generale, il parrocchetto dal collare indiano. La sorte ha voluto che, nel corso di una visita all’amico Guglielmo Petrantoni, trovassi una coppia di conuri testa blu (Aratinga acuticaudata) con un pulcino di circa un mese, superstite di una nidiata di tre. 
Poiché era esattamente dell’età giusta per il mio esperimento e poiché temevo che le ragioni sconosciute che avevano causato la morte dei fratelli potessero causare anche la sua, d’accordo con Guglielmo, il giorno 26 luglio 2012 ho prelevato il piccolo e l’ho trasferito nella mia casa di Goraiolo che è situata in mezzo a un vasto bosco di castagni in posizione relativamente isolata. La determinazione del sesso, effettuata con metodo genetico, ha consentito di accertare che si trattava di un maschio.

La prima fase è consistita nell’allevamento a mano del conuro che, al momento del prelievo, pesava circa ottanta grammi e si presentava solo parzialmente coperto da penne ancora chiuse nel calamo. L’uccello è stato mantenuto all’interno di una cassetta nido, in una incubatrice regolata in un primo periodo a circa 28°C e, dopo un paio di settimane, a 26°C. Si noti che la mia casa è collocata a una quota di circa 800 metri e che anche in piena estate da noi non si raggiungono mai le temperature elevate della pianura. Per un mese circa, il mio rapporto con il conuro è stato limitato alla preparazione e somministrazione di tre pasti giornalieri ben caldi a base di A21, cibo eventualmente sostituibile con qualsiasi altra pappa con un tenore di proteine di circa il 20%. Negli ultimi giorni del mese di agosto, quando il piccolo conuro incominciava ad affacciarsi dal buco della cassetta, ho iniziato a maneggiarlo un po’ di più e soprattutto a portarlo fuori, per farlo abituare a non reagire in modo scomposto all’aria aperta. Il giorno 28 agosto, per la prima volta, il conuro ha spiccato il volo con sorprendente sicurezza, si è fermato su rami alti e non è parso in grado di scendere più. In effetti, se si fosse trovato in natura, il giovane involato sarebbe stato subito seguito dai genitori che lo avrebbero indirizzato continuando anche a nutrirlo. 
Perciò, mi era molto difficile convincere il piccolo che io (cioè la sua madre adottiva) non ero in grado di volare. Necessariamente, dovevo aspettare con pazienza che il giovane fosse abbastanza affamato da modificare la strategia naturale e scendere verso il basso. Nonostante il pessimismo di chi mi stava intorno, dopo una notte trascorsa sulla cima di un albero, il piccolo Paulie (così avevo deciso di chiamarlo in onore del protagonista di un noto film) al mattino del giorno seguente rispose ai miei richiami e a poco a poco riuscì ad abbassarsi abbastanza affinché potesse essere recuperato e nutrito.
Dal secondo giorno in poi, con una facilità sempre maggiore giorno dopo giorno, recuperai il giovane tutte le sere per abituarlo a rientrare e trascorrere la notte in una gabbia della mia “casa degli uccelli”. Ogni mattina lo nutrivo con la sua solita pappa e quindi lo lasciavo andare ammirando i suoi voli sopra la chioma degli alberi, accompagnati da forti grida. Ogni tanto Paulie si avvicinava spontaneamente per chiedermi un’imbeccata e a poco a poco imparò anche ad atterrare con precisione sulla mia testa o sulla mia spalla. Nel frattempo erano passati altri dieci giorni circa e il giovane non dava alcun segno di volere tentare di mangiare da solo.
Perciò, incominciai a sollecitarlo in questo senso: quando scendeva, gli fornivo un’imbeccata molto piccola e poi lo sistemavo su un trespolo, con un bel pastoncino alla frutta per pappagalli a disposizione. Provai anche con mais bollito e con mela tagliata a pezzetti ed ebbi l’impressione che i progressi, piuttosto lenti, fossero legati più a una maturazione progressiva del comportamento piuttosto che ad apprendimento.
Intorno al 25 settembre, finalmente, il piccolo mangiava da solo, ma continuava a seguirmi in modo commovente e anche un poco asfissiante. Ogni sera, poco prima del tramonto, era facilissimo richiamarlo, dovunque si trovasse, e sistemarlo nella sua gabbia per trascorrere la notte nella casa degli altri pappagalli. Ogni mattina, non appena si faceva chiaro, andavo ad aprire la porta della casa e della gabbia per lasciarlo libero di volare. Paulie, però, dopo gli sfrenati voli dei primi giorni, usciva dalla gabbia soltanto per fiondarsi sulla mia spalla ed era necessario insistere molto per spedirlo a farsi un giro nel bosco. Una mattina, nonostante una fitta nebbia o forse proprio a causa della curiosità suscitata da questo nuovo fenomeno, si lanciò in un volo sfrenato e scomparve per molte ore. Temevo seriamente di averlo perso quando ricomparve, verso le sei del pomeriggio, gridando insistentemente per segnalarmi il suo ritorno e raccontarmi a suo modo dei pericoli corsi. Ad avvalorare il suo confuso racconto, si precipitò quindi sul suo personale trespolo per bere ripetutamente dal contenitore dell’acqua.
Accanto alla sua gabbia, infatti, proprio all’ingresso della casa degli uccelli, avevo piazzato un trespolo sempre ben fornito di cibo e acqua, nella speranza che Paulie imparasse ad andare dentro e fuori senza bisogno di essere sollecitato. Questo avvenne ben presto, già ai primi di ottobre: dopo gli acrobatici voli mattutini, il mio giovane conuro rientrava spontaneamente per andare a nutrirsi e gironzolare tra le gabbie degli altri pappagalli. Aveva imparato rapidamente a evitare le beccate ai piedi degli individui più permalosi, un cenerino maschio celibe e un paio di giovani amazzoni a faccia gialla che parevano odiarsi tra loro e odiare chiunque altro. Il suo cibo preferito non consisteva nei semi ma piuttosto nel pastoncino alla frutta e nella frutta stessa tagliata a pezzi. Inoltre, nelle sue passeggiate all’esterno, Paulie incominciò ben presto a giocherellare dapprima con foglie e poi con semi alati di aceri montani e anche a scendere a terra per provare foglie e fiori mangiando sempre di più in questo modo.
Immancabilmente, quando Paulie mi vedeva uscire da casa, mi veniva subito sulla testa o sulla spalla per stare con me, cosa che sarebbe stata anche piacevole se non avesse provveduto a lordarmi dei suoi escrementi. Per questo e per altri motivi incominciai a sfuggirgli ma Paulie era molto insistente e, di tempo in tempo, fui praticamente costretto ad accontentarlo portandolo in giro sulla spalla o sul braccio mentre facevo un giro nel bosco o sulla strada. Nel bosco non c’era nessun problema: se vedeva qualcosa che lo interessava si levava brevemente in volo per poi raggiungermi velocemente dopo la breve ispezione a un fiore o un frutto. Sulla strada la situazione era ed è più pericolosa perché, al transito delle auto, Paulie vola via impaurito per poi tornare sulla mia spalla, ma un paio di volte è volato basso e in mezzo alla strada rischiando di essere ammazzato. Per questo motivo, per evitare tragedie, ho trovato che il comportamento ideale da tenere è di continuare ad accarezzarlo e stare pronto a bloccarlo nel caso che si volesse lanciare in volo contro un furgone.
Un altro problema era rappresentato dai miei spostamenti che talora mi impedivano di essere a casa di prima mattina per liberare Paulie. In questo caso fu favorevole la simpatia di una vicina di casa per il pappagallo. La signora provvede volentieri a liberarlo per poi giocare con lui con una pazienza e una sensibilità che io certamente non ho.
A questo punto, l’esperimento sta durando da quasi due mesi e ci sono ancora molti interrogativi aperti. Cosa succederà in pieno inverno, magari con la neve sul terreno? Riuscirà Paulie a stabilizzare la sua sensibilità accontentandosi del poco tempo che io e i miei vicini possiamo dedicargli? Si farà catturare da estranei? Riuscirà sempre a evitare gli incidenti? Accetterà una compagna allevata come lui? A tutte queste domande potrò rispondere nei prossimi mesi e spero vivamente di essere in grado di farlo.
Renato Massa

lunedì 6 aprile 2020

Pappagalli a Genova.

Un amazzone Fronte bluGenova - Genova città dei pappagalli. E, in particolare, di una specie esotica proveniente dalla giungla amazzonica. Si tratta dell’amazzone fronte blu, un uccello che può vivere fino a 70 anni, dalla voce altissima e che in diverse decine ha nidificato all’ombra della Lanterna.

Già negli anni `70 questi pennuti dalla ‘parlantina facile’ erano presenti ma, spiega Aldo Verner della Lipu di Genova, «sono in aumento, grazie soprattutto alla grande adattabilità di questi animali». Inoltre, se le altre specie presenti, come il Parrocchetto monaco (diverse centinaia), popolano anche altre città d’Europa, tra cui Londra, «solo a Genova - spiega Enrico Borgo del museo di Storia naturale `Doria´ - troviamo l’amazzone fronte blu in diverse decine di esemplari». Un fenomeno raro, la cui origine, spiega ancora Borgo, è da attribuirsi alla proliferazione dei pappagalli importati sfuggiti alla cattività’‘.

«La presenza degli amazzoni fronte azzurra - osserva Verner - è straordinaria perché sono animali della giungla amazzonica ed è abbastanza strano che riescano a sopravvivere d’inverno. Nidificano nei buchi dei muri e degli alberi e sono presenti nella zona di piazza Corvetto, a Castelletto e in corso Firenze».

https://www.ilsecoloxix.it/genova/2011/08/17/news/genova-capitale-dei-pappagallii-1.32930048


domenica 5 aprile 2020

Dimmi con chi vai...

Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei....

L'intervento di Gianni sul gruppo .

Mai queste parole sono più profetiche quanto attuali. 
Si accompagna da un gruppo sempre più sparuto che lo usano e simili a lui, da una dispensatrice di minestroni esperta di fake, cattiverie ed esperta  nel modificare chat....
Da una finta finanziera, esperta nel raccontare bugie e montare storie false spacciandole per vere per un suo tornaconto. 

Sovente non basta tagliare i rami secchi, ma si deve ricorrere al taglio della pianta.

giovedì 2 aprile 2020

Grazie.

L'associazione Pappagalli in                              Volo

il Presidente Gianluca Ranzan e gli Amici appassionati, si uniscono in un abbraccio virtuale per ringraziare tutti coloro che, in queste settimane di emergenza sanitaria, stanno mettendo a disposizione le loro energie per combattere questo virus, per sostenere chi sta soffrendo.

Un ringraziamento particolare va a tutti i Sanitari che, in prima linea contrastano la malattia mettendo in pericolo la loro stessa vita.; ai volontari delle molteplici Associazioni, della Protezione Civile che cercano di stare vicino alle migliaia di anziani e a tutte quelle persone che hanno bisogno di assistenza domiciliare; alle Nazioni come Cina, Russia, Cuba, Venezuela, Francia e Germania che si stanno prodigando per spedire aiuti concreti, inviando team di medici, presidi sanitari e accogliendo malati nelle proprie strutture sanitarie.

In questo momento così difficile è più che mai importante fare squadra, fare "Stormo", sperando di ritornare al più presto alla nostra vita fatta di affetti, abbracci e vicinanza a... meno di 1 metro!

mercoledì 1 aprile 2020

Ah che bella sensazione...

Era molto tempo che ci stavo pensando, mollare i social per dedicare tutto il mio tempo a ciò che amo fare da sempre...
Il Social mi occupava molto tempo, non nego che molti di voi vi ho conosciuti grazie al social e ne sarò sempre riconoscente, ma era il momento per me di chiudere un capitolo della della mia Vita. 

La mia pagina professionale "Gianluca Ranzan Parrot trainer", la pagina "dell'Associazione Pappagalli in Volo", il mio profilo personale "Gianluca Ranzan" saranno curati da un gruppo di
Ghostwriter

Nulla cambierà io rimarrò sempre in Lomellina, mi vedrete volare con loro, sorridere con loro, impegnarmi per migliorare le loro vite con voi, ma sopratutto mi vedrete più sereno e sorridente. 

Un grazie a chi mi ha capito, a chi ha colto e agevolato questo mio desiderio prendendo il testimone in mano portando avanti in un modo eccelso tutti i Canali Social.

Grazie
Gianluca Ranzan

martedì 31 marzo 2020

Bandiera Italiana a lutto.


https://youtu.be/6XRlStvB1YE

Bandiera Italiana a mezz'asta oggi sui nostri social in memoria delle troppe persone morte a causa del Covid19.