martedì 26 dicembre 2017

Resoconto di un anno fantastico!

Salve cari amici, 
siamo alla fine dell’ anno ed è tempo di resoconti ...
Mi trovavo esattamente dodici mesi fa a rientrare in Italia dal mio ultimo impegno europeo con una sola certezza, “VOGLIO RIMANERE IN ITALIA”, finalmente poter fare il figlio e lo zio, ma più di tutto realizzare un sogno e cioè “far conoscere il volo libero in Italia”... Appunto un sogno!!
I primi mesi del 2017 furono di vacanza, un po’ in Veneto presso la mia famiglia, con i miei genitori e mio nipote Gianariel figlio di mia sorella, in seguito in Lombardia presso amici.
Purtroppo a Gennaio è venuto a mancare uno dei miei angeli neri Briff dopo una lunghissima vita passata con me, dopo tante avventure vissute assieme all’età di quattordici anni mi ha lasciato, sono quindi rimasto con l’altro mio angelo, nonno Orlando, il mio maschio rottweiler.
Giunge nel frattempo la primavera e con essa arriverà Serse il mio cucciolo di rottweiler, ma questa è un’altra storia che racconterò in seguito…
A marzo in una giornata decisamente molto umida e piovosa anzi direi molto poco primaverile, m’incontrai con alcuni conoscenti appassionati di pappagalli in Lomellina, la location dove decisi di fermarmi al mio rientro in Italia ospite all’ interno della Tenuta l’Uccellaia, come dicevo prima m’ incontrai con queste persone per far conoscere le “mie compagne di viaggio”, il mio stormo, le mie ara volatrici e fare una dimostrazione di “volo libero”.
Queste persone rimasero estasiate, cominciammo a parlare e a fare progetti e in loro io trovai l’energia nel credere che il mio sogno si potesse realizzare, ma la cosa più bella era credere che anche in Italia poteva esserci spazio per far conoscere, apprezzare, coltivare e svolgere la mia passione: il Volo libero.
Mai avrei immaginato che da quell’ incontro sarebbero nate e cresciute due amicizie che mi avrebbero avvolto, protetto, rassicurato in molti momenti futuri, ma anche un progetto di Vita nuovo, la mia nuova Vita con una nuova professione nata dalla vecchia professione, ossia educare e insegnare la gestione quotidiana dei pappagalli (con tutte le loro problematiche sia alimentari che comportamentali) e il free flight o volo libero.
Alcuni mi definiscono coach, trainer, maestro, io mi definisco semplicemente un folle sognatore che ha avuto la fortuna di far evolvere una passione in lavoro.
Il primo sogno è stato far nascere il sito www.gianlucaranzan.it, con tantissime informazioni, articoli scientifici, curiosità, consigli sull’alimentazione e sull’educazione, schede sulle varie specie di pappagalli, questi sono solo una piccola parte degli argomenti trattati sul sito, ci sono anche i miei successi di cui vado orgoglioso ossia i recuperi raccontati in prima persona dai proprietari dei pappagalli, ebbene nei primi otto mesi di Vita questo sito conta già ben 16 mila visitatori.

Nasce in contemporanea anche il mio blog: 


dove quasi ogni giorno comunico con Voi, dando informazioni, su eventi futuri o semplicemente un saluto o una piccola chicca sia spiritosa che ironica.. ebbene anche qui 8700 persone mi seguono…
Grazie all’aiuto di persone meravigliose che hanno creduto in me e nelle mie capacità abbiamo creato un’ Associazione No Profit “PAPPAGALLI IN VOLO” dove CI occupiamo della tutela dei pappagalli, recuperando pappagalli sfortunati, cercando tramite informazione, eventi e percorsi didattici di insegnare e migliorare la comunicazione tra loro e il compagno umano attraverso, facciamo infatti come dicevo prima dei percorsi didattici basati su corsi on line per coloro che abitano lontani oppure live direttamente presso la sede dell’ associazione o la casa in cui si ospita il pappagallo. Tra gli obbiettivi principali dell’associazione vi è anche e soprattutto il far conoscere l’importanza del volo libero e far capire quanto sia importante educare i pappagalli al volo libero e al recall.
Nel primo anno di vita di questa associazione abbiamo organizzato giornate divulgative, work live, ma soprattutto raduni di volo libero in molte location nazionali e lo stormo di pappagalli che sfrecciano sui cieli italiani si infoltisce sempre più..........
Ax, Juma, Mja, Steel, Giove, Kia sono le mie ara che sempre mi seguono ai raduni di volo libero a esse si sono aggiunti:
Maya un Ararauna e il suo amico Diego, Betty di Loredana e Gaetano, Pippo di Mirco, Oliver di Luigi, Sky di Ivan e molti saranno i prossimi volatori che vedremmo nei primi mesi del 2018, ma questo sarà argomento del prossimo resoconto.
Dietro al mio nome, Gianluca Ranzan, vi è una squadra di lavoro, un gruppo di amici coesi che lavorano con un unico obiettivo il benessere dei pappagalli, la corretta interazione uomo-pappagallo.... la passione immensa per il volo libero, la mia energia è la loro energia, la mia voce è la loro voce, la mia passione è la loro passione, tutti assieme lavoriamo per vedere sempre più volare nei cieli italiani i nostri pappagalli e ogni giorno ci battiamo per far capire che si può fare sempre più in sicurezza, se fatto con persone che lo insegnano per mestiere e concedetemi anche per PASSIONE E AMORE!
La pagina dell'associazione in cui potrete seguirci >> https://www.facebook.com/Pappagalliinvolo/
Buon volo e a presto con tantissime novità! 
Auguri a voi tutti da me e dallo staff!!
Gianluca

giovedì 21 dicembre 2017

AUGURI A TUTTI VOI


"Pappagalli in Volo - Associazione No Profit"
VI AUGURA UN BUON NATALE E UN FELICE ANNO NUOVO.... 
A PRESTO NEL 2018
TANTI PROGETTI CI ASPETTANO !!


A PRESTO.

domenica 17 dicembre 2017

Il falso mito dell'utilità della frutta nell'alimentazione di pappagalli e lori.


RIPORTIAMO PER GENTILE CONCESSIONE DEL DOTT. STEFANO FIGURELLA UN SUO INTERASSENTE ARTICOLO CHE FA CHIAREZZA DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO SULL'IMPORTANZA DI UNA GIUSTA ALIMENTAZIONE PER I NOSTRI AMICI PAPPAGALLI. COME SEMPRE ALLA FINE DI OGNI ARTICOLO CHE PUBBLICHIAMO POTRETE TROVARE LA FONTE ORIGINALE  DA CUI ABBIAMO ATTINTO L'ARTICOLO.

ARTICOLO QUI >> 

martedì 12 dicembre 2017

La VERITA'...

Oggi un amico, Giacomo Ferrari e la sua SQUADRA hanno fatto CHIAREZZA dopo anni di offese, denigra-menti e minacce....
NON AGGIUNGO ALTRO E VI INVITO A GUARDARE IL FILMATO E ASCOLTARE BENE, BENE, BENE CHE COSA VI SI DICE, SPERO CHE DA OGGI SI POSSA TORNARE A PARLARE DI PAPPAGALLI E BASTA.
OGNUNO PUÒ' AVERE LA SUA FILOSOSIA E SCUOLA IN MERITO, MA QUESTO NON AUTORIZZA "NESSUNO" A DENIGRARE IL LAVORO DI UN PROFESSIONISTA.
GRAZIE A VOI TUTTI.
Gianluca



domenica 3 dicembre 2017

IDENTIFICATO IL MANDANTE: TI ASPETTIAMO CON PASTICCINI E CAFFÈ' CORRETTO!!

CARI AMICI, AGGIORNAMENTO SULLA SITUAZIONE - MINACCE AL SOTTOSCRITTO E  UCCISIONE PAPPAGALLI CON TIRO AL BERSAGLIO: IN ALLEGATO POTETE VISIONARE DUE IMMAGINI, LA PRIMA E' RELATIVA AL NUMERO CHE MI HA CHIAMATO E DI CUI HO PUBBLICATO LA REGISTRAZIONE >> ASCOLTA QUI LA TELEFONATA CLICCANDO
A SEGUIRE NELL'IMMAGINE NUMERO DUE IL PROPRIETARIO DEL NUMERO INTESTATO A :
ANAGRAFE VOLATILI un organizzazione NO Profit regolarmente iscritta alle Agenzie delle ENTRATE con il seguente n° di protocollo: 0026108 A00 AGED/PV 
CF.97779210158
contatto telefonico :3487926334
Donazioni:
Iban: IT 97 C 0760 1051 3829 1070 991072
intestato a:
GIOVANNETTI SERGIO
C.F. GVNSRG60L24F205L
Post&Pay
4023 6009 1570 0696
5333 1710 2330 8170

FOTO 1

FOTO 2

A BREVE PUBBLICHEREMO ALTRA DOCUMENTAZIONE ... STAY TUNED
LA SAGA CONTINUA....

venerdì 1 dicembre 2017

LE MINACCE AI PAPPAGALLI E A ME

Cari amici buongiorno, pubblico questo post per informarVI in merito a una situazione SURREALE che sto vivendo, ieri sera 30/11/2017 alle ore 21.00 ricevo questa telefonata di cui allego audio da parte di un PERSONAGGIO che mi MINACCIA FISICAMENTE, ma sopratutto MINACCIA DI AMMAZZARE I MIEI PAPPAGALLI.
NESSUNO, RIPETO NESSUNO si può permettere di minacciare me o i miei pappagalli, questa persona è stata immediatamente denunciata ai carabinieri ieri sera alle 23.00...
Questo PERSONAGGIO che tanto ama i pappagalli (così dice al mondo WEB) NON SI FA SCRUPOLO ALCUNO non solo di minacciare me, ma di AMMAZZARE I MIEI PAPPAGALLI.
Questo post serve a far capire che NON SI DEVE AVERE PAURA, SI DEVE DENUNCIARE CHI MINACCIA PERCHÉ' IL SILENZIO E' ACCETTARE DI SUBIRE E IO NON LO FARO'.
SAPETE ORA CHE QUALUNQUE COSA DOVESSE MAI SUCCEDERE A ME O AI MIEI PAPPAGALLI QUESTO PERSONAGGIO NE E' IL MANDANTE/COLPEVOLE.
QUESTA COMUNICAZIONE E' FATTA A TITOLO PRECAUZIONALE PER TUTELARE ME, MA SOPRATUTTO I MIEI ADORATI PAPPAGALLI!
PS: INDOVINATE CHI E'?



mercoledì 15 novembre 2017

PAPPAGALLI IN VOLO - 05/11/2017 Parco Acquarossa

PAPPAGALLI IN VOLO PRESENTA IL VIDEO:


05/11/2017 
Parco Acquarossa via Bonifacio, 06035 - Località Ponte di Ferro di Gualdo Cattaneo (Pg) – Italy”


                                        

LE LEGGI FONDAMENTALI DELLA STUPIDITA’ UMANA

LE LEGGI FONDAMENTALI DELLA STUPIDITA’ UMANA

di Carlo M. Cipolla, Professore Emerito di Storia Economica a Berkeley


"Quando la maggior parte di una società è stupida allora la prevalenza del cretino diventa dominante ed inguaribile"...


Fatti:

1. gli stupidi danneggiano l'intera società;

2. gli stupidi al potere fanno più danni degli altri;

3. gli stupidi democratici usano le elezioni per mantenere alta la percentuale di stupidi al potere;

4. gli stupidi sono più pericolosi dei banditi perché le persone ragionevoli possono capire la logica dei banditi;

5. i ragionevoli sono vulnerabili dagli stupidi perché:

   * generalmente vengono sorpresi dall'attacco;

   * non riescono ad organizzare una difesa razionale perché l'attacco non ha alcuna struttura razionale.


Prima Legge

Sempre e inevitabilmente ognuno di noi sottovaluta il numero degli individui stupidi in circolazione:

a) persone che reputiamo razionali ed intelligenti all’improvviso risultano essere stupide senza ombra di dubbio;

b) giorno dopo giorno siamo condizionati in qualunque cosa che facciamo da gente stupida che invariabilmente compaiono nei luoghi meno opportuni.

E’ impossibile stabilire una percentuale, dato che qualsiasi numero sarà troppo piccolo.

Seconda Legge

La probabilità che una certa persona sia stupida é indipendente da qualsiasi altra caratteristica della stessa persona, spesso ha l'aspetto innocuo/ingenuo e ciò fa abbassare la guardia.

Se studiamo la percentuale di stupidi fra i bidelli che puliscono le classi dopo che se ne sono andati alunni e maestri, scopriremo che è molto più alta di quello che pensavamo. Potremmo supporre che è in relazione con il basso livello culturale o col fatto che le persone non stupide hanno maggiori opportunità di avere buoni lavori. Però se analizziamo gli studenti ed i professori universitari (o i programmatori di software) la percentuale è esattamente la stessa.

Le femministe militanti potranno arrabbiarsi, ma la percentuale di stupidi è la stessa in ambo i sessi (o in tutti i sessi a seconda di come si considerano).

Non si può trovare nessuna differenza del fattore Y nelle razze, condizioni etniche, educazione, eccetera.

Terza Legge

Una persona stupida è chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita.

Quarta Legge

Le persone non stupide sottovalutano sempre il potenziale nocivo delle persone stupide. Dimenticano costantemente che in qualsiasi momento, e in qualsiasi circostanza, trattare e/o associarsi con individui stupidi si dimostra infallibilmente un costosissimo errore.

Quinta Legge

La persona stupida é il tipo di persona più pericolosa che esista.  

Questa è probabilmente la più comprensibile delle leggi per la conoscenza comune che la gente intelligente, per quanto possano essere ostili, sono prevedibili mentre gli stupidi non lo sono. 

  

Inoltre il suo Corollario di base: "Una persona stupida è più pericolosa di un bandito" ci conduce all’essenza della Teoria del Cipolla. Esistono quattro tipi di persone in dipendenza del loro comportamento in una transazione:

- Disgraziato (Sfortunato): chi con la sua azione tende a causare danno a sé stesso, ma crea anche vantaggio a qualcun altro

- Intelligente: chi con la sua azione tende a creare vantaggio per sé stesso, ma crea anche vantaggio a qualcun altro

- Bandito: chi con la sua azione tende a creare vantaggio per sé stesso, ma allo stesso tempo danneggia qualcun altro

- Stupido:  chi causa un danno ad un altra persona o gruppo di persone senza nel contempo realizzare alcun vantaggio per sé o addirittura subendo una perdita


Il Professor Cipolla usa un diagramma come quello della figura 1.

L’asse delle X misura i vantaggi ottenuti dalle proprie azioni.

L’asse delle Y misura i vantaggi ottenuti da altri a causa delle proprie azioni.

Chiaramente, le persone nel quadrante I sono Intelligenti, le persone nel quadrante B sono i Banditi, le persone nel quadrante D sono i Disgraziati o Sfortunati, e le persone nel quadrante S sono gli Stupidi.

E’ anche abbastanza chiaro che a seconda della loro ubicazione in questa sistema le persone avranno un maggiore o minore grado di stupidità, intelligenza, banditismo, ecc.  Si può sviluppare un’ampia varietà di combinazioni come i banditi intelligenti e i banditi stupidi, dipendendo dal rapporto beneficio/danno.  

La quantità del danno dovrebbe misurarsi dal punto di vista della vittima e non del bandito, e ciò fa che la maggior parte dei ladri e criminali siano abbastanza stupidi.

Ognuno può utilizzare questo sistema per studiare la stupidità ed elaborare l’applicazione della Teoria del Cipolla in tutte le sue possibili varianti.  

Ma la storia non finisce qui.

Se tracciamo una linea diagonale fra gli assi, vedremo che tutta la zona che si trova in alto a destra di questa linea corrisponde ad un miglioramento nel bilancio totale del sistema, mentre gli eventi e la persone dell’altro lato si associano ad un peggioramento.

Si possono effettuare una varietà di analisi interessanti studiando le variabili in ciascuno dei quadranti come  Sd e Sb, lb e Id, Ds e Di, o in tanti subquadranti come uno desidera.

Per esempio la corda M nel lato inferiore destro della maglia delinea il bandito perfetto, uno che provoca esattamente tanto danno come a sua volta ne trae vantaggio. Ovviamente da ambo i lati della diagonale si trovano situazioni di banditi imperfetti. Bi corrisponde ai banditi intelligenti e Bs ai banditi stupidi.

In un mondo popolato esclusivamente da Banditi perfetti il sistema rimarrebbe equilibrato; i danni e i vantaggi si eliminano vicendevolmente. Lo stesso effetto si verificherebbe in un mondo popolato esclusivamente da Sfortunati perfetti.

Teoricamente le persone intelligenti forniscono il maggior contributo alla società in senso generale.  

Però, per quanto possa sembrare brutto, anche i banditi intelligenti contribuiscono ad un miglioramento nel bilancio della società provocando nel complesso più vantaggi che danni. Le persone sfortunate-intelligenti anche se perdono individualmente possono tenere effetti socialmente positivi.

Senza dubbio, quando la stupidità entra in scena, il danno è enormemente maggiore del beneficio a chicchessia. Ciò dimostra il punto originale: l’unico fattore più pericoloso in qualsiasi società umana è la  stupidità.

Cipolla segnala che, intanto che il fattore Y è costante nel tempo, come nello spazio, una società in ascesa tiene un percentuale maggiore di gente intelligente, come una società in declino tiene un allarmante percentuale di banditi con una forte fattore di stupidità (subquadrante Bs) fra le persone al potere ed egualmente un allarmante percentuale di sfortunati (area D) fra quelli che non sono al potere.

Cipolla osserva inoltre che le persone intelligenti generalmente sanno di esserlo, i banditi anche sono consci della loro attitudine e anche le persone sfortunate hanno un forte sospetto che non tutto vada per il verso giusto.

Ma le persone stupide non sanno di essere stupide, e questa è una ragione in più che li rende estremamente pericolose.

E questo fa ritornare alla domanda originale e dolorosa: sono stupido? Ho superato vari test di coefficiente di intelligenza con buoni risultati. Sfortunatamente, so come funzionano questi test e che non dimostrano niente.

Varie persone mi hanno detto che sono intelligente. Però neanche questo dimostra niente. Queste persone possono essere forse molto considerate per dirmi la verità. O al contrario potrebbero star tentando di usare la mia stupidità per trarne vantaggio.

O potrebbero essere tanto stupidi quanto me.

Mi fermo con una piccola speranza: sono cosciente di quanto sono (o sono stato) stupido. 

E questo indica che non sono completamente stupido.

Corollario di Livraghi alla Prima Legge di Cipolla

In ognuno di noi c’è un fattore di stupidità, che è sempre più grande di quanto supponiamo.



lunedì 13 novembre 2017

POSSO DIRVI GRAZIE?

BUONGIORNO AMICI, 
CHE DIRE SE NON GRAZIE QUANDO SONO SEMPRE ATTORNIATO DA VOI CHE MI DATE IL BUONGIORNO COSI'?
QUANDO RICEVO LETTERE, O LEGGO I VOSTRI POST, O RICEVO SU WAZZAP QUESTI MESSAGGI... 
BEH CARI AMICI CAPISCO CHE LA MIA PASSIONE, IL MIO AMORE PER I PAPPAGALLI DIVENTATO LAVORO HA UN SENSO, VOI SIETE LA RISPOSTA E IO MOLTO UMILMENTE E CON GRANDE AFFETTO VI RINGRAZIO!!
Gianluca

PS: Posto solo una parte dei tantissimi grazie che mi fate, ma lo faccio perché SONO ORGOGLIOSO di voi, dei sacrifici che fate per il benessere dei nostri amati pennuti e anche un pò di me che (anche se ogni tanto VI cazzio) ho un grande stimolo ad andare avanti in questo mio viaggio con voi e loro!!



 








giovedì 9 novembre 2017

martedì 7 novembre 2017

FACCIAMO IL PUNTO SULLE REMIGANTI TAGLIATE?

Buongiorno, 

come sempre ogni volta che pubblichiamo un articolo sul sito si scatenano i “PROFESSORINI” del WEBBE... 

L’articolo sul “Taglio delle remiganti e i diritti degli animali” è stato un assist per cercare di capire cosa recita la norma giuridica (NELLA PREMESSA ABBIAMO ESPRESSO LA NOSTRA POSIZIONE IN MERITO) e cosa dal punto di vista etologico sia corretto fare, in sostanza un’analisi molto chiara e obbiettiva della problematica “taglio si o taglio no delle remiganti”… Dopo avere letto i commenti ci chiediamo tutti noi dello staff se AVETE LETTO L’ARTICOLO (alla fine dell’articolo vi sono le info con i link su chi ha scritto il medesimo e i nomi e cognomi, provate a cliccarci!).... Crediamo di no, vi siete sbrigativamente fatti un’idea e come sempre sentenziato "ad minchiam"... 
Cari lettori che leggete male e capite peggio che dirvi? 
Vi lasciamo con questa nostra meditazione certi che il vostro andare a leggerci sarà frainteso, ma nella natura umana esiste la speranza che vi si apra la mente e noi ci appelliamo a questo.




LA NORMA GIURIDICA:


Sebbene l'544 ter c.p. punisca chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona una lesione ad un animale ovvero lo sottopone a sevizie o a comportamenti o a fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche e sia prevista la reclusione da 3 a 18 mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro, tuttavia l'ordinamento giuridico, nella parte generale del codice penale, prevede delle cosidette cause di giustificazione, che consentono di scriminare un comportamento antigiuridico rendendolo lecito (in sostanza significa che un comportamento che costituisce reato viene reso lecito dall'ordinamento al ricorrere di determinate condizioni). Nel caso di specie il taglio delle ali, in alcune situazioni, può essere scriminato dall'ordinamento e la norma che consente ciò è l'art. 54 Codice Penale, che stabilisce che non è punibile chi ha commesso il fatto per esservi stato costretto dalla necessità di salvare sé od altri dal pericolo attuale di un danno grave alla persona, pericolo da lui non volontariamente causato, né altrimenti evitabile, sempre che il fatto sia proporzionato al pericolo. Proprio con riferimento al ricorso allo stato di necessità nei riguardi degli animali si può ricordare la sentenza 249/2015 del Giudice di Pace di Pisa, che ha riconosciuto l'applicabilità di questa scriminante nei confronti anche degli animali; pertanto, valutate le circostanze in cui l'animale si trova se ad esempio questo è affetto da una patologia tale per cui il non tagliare le remiganti possa recargli pregiudizio, ecco che il fatto (sebbene costituisca reato) viene scriminato da parte dello stesso ordinamento giuridico ai sensi dell'art. 54 cp. 

CI permettiamo di fare una riflessione controtendenza: perché si parla di "ubbidire a delle leggi" e non di "rispettare delle leggi"? Dal momento che si vive in uno stato di diritto, e si è "cittadini" si hanno diritti, ma si hanno anche dei doveri, tra cui il primo crediamo sia rispettare la legge. Altrimenti il senso di giusto o sbagliato viene relegato soltanto alla morale soggettiva. Se non si condividono le leggi vigenti si possono promuovere politiche e comportamenti che democraticamente portano alla modifica o addirittura all'eliminazione della legge stessa. Se lo stato (e quindi i cittadini, attraverso il processo di democrazia rappresentativa) decide che la legge è giusta così com'è.... beh... o si cambia paese e ci si trasferisce dove questa legge non c'è... oppure si riconosce che non si può creare un mondo su misura per tutti. Accettiamo repliche certi che dall’alto della vostra cultura giuridica arriveranno! ... Un saluto.

Gianluca e lo staff.

PS: LA SCIENZA NON È DEMOCRATICA (cit. Prof. Burioni)
LA STUPIDITÀ NON È DEMOCRATICA SA BENISSIMO CHI  DEVE COLPIRE! (cit. Gianluca Ranzan)

lunedì 6 novembre 2017

Liberty Parrot - Volo Libero Italia 05/11/2017

GRAZIE,
 ERAVAMO TANTISSIMI E SAREMO SEMPRE DI PIÙ...
05/11/2017 
Parco Acquarossa via Bonifacio, 06035 - Località Ponte di Ferro di Gualdo Cattaneo (Pg) – Italy







FOTO E FILMATO QUI >>> 

sabato 4 novembre 2017

Liberty Parrot - Volo Libero Italia 05/11/2017

Siamo lieti di essere gli Organizzatori insieme a Chiara Alessandrini titolare dell'allevamento "PASSIONE PAPPAGALLIdell'evento:

che si terrà domani a:

Parco Acquarossa via Bonifacio, 06035 - Località Ponte di Ferro di Gualdo Cattaneo (Pg) – Italy
alleghiamo articolo dal "Messaggero" che evidenzia l'evento.
Grazie 

lunedì 30 ottobre 2017

Quattrozampexpo // Pescara 28-29/010/2017

FOTO E VIDEO DELL'EVENTO:  
Quattrozampexpo // Pescara 28-29/010/2017



Grazie a tutti coloro che hanno partecipato.
QUI IL VIDEO E LE FOTO >> Quattrozampexpo // Pescara 28-29/010/2017

martedì 24 ottobre 2017

Quattrozampexpo // Pescara 28-29/010/2017

Saremo Ospiti nello stand di Aura servizi come “Associazione No Profit PAPPAGALLI IN VOLO“ per far conoscere e divulgare agli adulti e ai bambini la corretta gestione dei pappagalli. La manifestazione si pone come obiettivo quello di educare i bambini ad un approccio corretto con gli animali. L’evento, dedicato ai bambini, agli appassionati e ai professionisti del settore, ha lo scopo di offrire un momento di incontro, conoscenza e sviluppo per poter creare una cultura sugli animali da compagnia. Per arrivare a questo obiettivo è importante coinvolgere tutte le figure che ruotano in questo mondo, dagli appassionati ai curiosi, dalle aziende ai grossisti, dai negozianti agli allevatori, dalle riviste ai siti internet. Quattrozampexpo sarà uno spettacolo a 360 gradi che offrirà a tutti gli attori della filiera l’occasione per mostrare quello che può dare un animale da compagnia. 
L’ingresso è gratuito per tutti i visitatori e per tutti gli animali da compagnia.



giovedì 19 ottobre 2017

DOMANDARE E' LECITO... SONO LE RISPOSTE CHE LATITANO!


Buongiorno a chi legge,
sono passati un paio di giorni, sono stato zitto, non ho risposto a tutto il caos che si è venuto a creare in merito all’uso di un “MARCHIO”… 
Bene ora faremo il punto della situazione.
ABBIAMO usato NON un marchio ma una frase che è la denominazione del sito di Chris Biro, lo abbiamo fatto per fare un omaggio a un trainer internazionale che stimo e rispetto e di cui sono stato allievo (confermato da lui ma quando lo dicevo io i miei titoli erano farlocchi vero?) ma andiamo avanti… cosa è successo? 

Immediatamente tutto il cucuzzaro dei GRANDI esperti webeti (so chi sono) dei pappagalli riporta a Biro con filmati, mail, post quale terribile persona io sono e come maltratto e sevizio i pappagalli. 
Biro arriva… ma che succede? 
Si dissocia, giustamente, ma…
Attenzione qui viene il bello… a domande specifiche fatte da uno pseudo esperto in un inglese maccheronico (Biro avrà riso come un matto ma gli risponde) vi allego post in cui spiega la sua filosofia alimentare… leggiamola insieme:

Testo originale di Chris Biro......




Per avere la certezza di avere tradotto bene chiedo ad un mio amico Marco Turetta che parla e scrive correttamente in inglese una traduzione della risposta di Biro a questo scienziato.....

(traduzione di marco)


Ci sono volte in cui l'unico cibo che fornisco sono le ricompense (noccioline) dopo che hanno eseguito il comportamento richiesto. Questa è una situazione ca breve termine che può durare un paio di settimane, durante le quali trasformo le noccioline da semplici ricompense a oggetti di primaria importanza , e ciò mi permette poi di passare da un addestramento basato sulla fame a uno basato sul cibo preferito. Di solito non uso questo metodo, ma può capitare che ce ne sia bisogno. Penso che spesso la gente non abbia idea che le abitudini alimentari dei pappagalli in cattività (mangiare ogni giorno) differiscano molto da quelle dei cugini selvatici. Ho osservato pappagalli selvatici in Honduras non mangiare per tre o quattro giorni di fila durante il periodo dei monsoni, quando le grandi quantità di pioggia rendono difficile procurarselo. In questo senso i pappagalli non sono assolutamente fragili come molta gente immagina.

Ora mi chiedo, se lo scrive un trainer americano del calibro di Chris Biro con 25 anni di esperienza sull’addestramento al volo libero allora va bene, ma se fossi io a scriverlo allora sarei colui che affama e maltratta i pappagalli.
Bene, bene, bene, lasciamo per un attimo da parte il discorso pettorina/laccetto ( su cui tornerò in seguito) e parliamo di alimentazione, sull’ argomento mi farebbe piacere conoscere il pensiero degli espertoni del webbe… perché direte voi? Perché siete stati zitti, perché non avete detto a Biro cosa proponete? MINESTRONI COTTI, ESTRUSI, VASCHETTE DI GEL ALLA FRUTTA FATTE CON CHI SA COSA, E CIBO DALLE VOSTRE TAVOLE?

E ma qui ha parlato Biro… io lo predico da anni ma….. io sono un ex circense, senza nulla togliere a Biro che andava in giro a fare spettacoli vestito da pirata con pappagallo in spalla… a vero lui però è un esperto, anzi un’artista esperto!!
Allora rifaccio la domanda perché nessuno di voi ESPERTONI ha risposto?
Ve lo dico io… perché non ne avete le capacità, perché vi interessa sponsorizzare il cibo proposto dalle case da cui mi chiedo che legame avete?

Questa la MIA FILOSOFIA, IL MIO METODO:


“Nelle mie classi di volo libero io utilizzo un programma alimentare diverso. Il pappagallo che segue un percorso di addestramento al volo libero non viene privato di alcun principio nutrizionale, pertanto in ciotola si troverà della frutta varia con una particolare attenzione alla frutta tropicale, semi germinati, integrazioni, mentre la percentuale grassa (semi oleosi) viene proposta in premi dalle mani per aumentare la motivazione al comportamento richiesto (volo).

Da anni vengo attaccato, accusato, additato di non alimentare correttamente i miei pappagalli o i pappagalli dei proprietari che seguono le mie classi, riportando da sempre informazioni false, tanto che nessuno dei miei allievi ha mai confermato le accuse”.



Ora altra domanda: cosa avete ottenuto? 
Biro è contento che abbiamo cambiato nome, non mi ha denunciato, vi parla di alimentazione esattamente dicendo quello che dico io da anni (HO studiato con lui VE LO RICORDO) VI ha proposto per trecento dollari il suo corso (RIDO già vi vedo alcuni di voi a farlo!!) e VOI tacete perché siete ipocriti, e ora tutto il mondo conosce GIANLUCA RANZAN… Grazie!!!!

Per il mio pensiero su Pettorina e laccetto vi invito a leggere il mio articolo >>> 


Voglio concludere con due riflessioni:

1. I miei allievi sono stati dei grandi, non vi hanno risposto, vi hanno ignorato e sono orgoglioso di loro, e anche se ad alcuni andate in pvt a intimare di allontanarsi da me se anche lo faranno a me resta comunque l’orgoglio di avere insegnato loro la mia filosofia, di avere trasmesso rispetto e fiducia per queste magnifiche creature, questo NON me lo potrete togliere mai!


2. Vi lascio con il pensiero di un grande amico, Giacomo Ferrari anche lui Trainer di lunga esperienza presso il TIGER EXPERIENCE:


Ogni addestratore.
Ogni santissimo addestratore sa che tra la teoria e la pratica c'è taaaaaanta differenza
La differenza è la variabile portata dall'animale.
I metodi sono tanti ma tutti si rifanno ad una regola.
COMANDO-COMPORTAMENTO-CONSEGUENZA.
Poi parlate scrivete e fate come vi pare.
Ma troverete sempre queste tre cose.
Chi nega o ci gira intorno è solo un emerito cialtrone.
Possiamo parlare per delle ore.
Ma alla fine qui si arriva .
Punto e basta.
Fine e stop.
E tutti dico tutti commettono errori.
Solo che chi sa, che può migliorare se ne accorge.
Gli altri scrivono libri…

ATTENDO RISPOSTE! 
Tutti i miei allievi se lo vorranno potranno dare conferma di quanto da me scritto! 
Grazie
Gianluca






sabato 14 ottobre 2017

Vicara - PAPPAGALLI IN VENDEMMIA

Grazie a tutti coloro che hanno partecipato alla bellissima giornata dedicata all’ evento
PAPPAGALLI IN VENDEMMIA, vi allego il link per poter visionare il filmato dell’intervista ...
Grazie alla redazione de ILMONFERRATO.IT per questa simpatica e sentita intervista relativa all'evento "Pappagalli in vendemmia". Un grazie a tutte le persone che hanno partecipato e in particolar modo a coloro che hanno reso possibile questa esotica courmà!

venerdì 13 ottobre 2017

lunedì 9 ottobre 2017

Il mio Stormo...

Perché amarli?... Perché non conoscono l'invidia né il rancore, perché il perdono è ancora naturale in loro. Perché vivono senza avere una lussuosa dimora. Perché non comprano l'amore, semplicemente lo aspettano e perché sono nostri compagni, eterni amici che niente potrà separare....
Cit. Madre Teresa di Calcutta

Aggiungo anche che li rispetto, che li ammiro, che li reputo miei simili, che aiuto loro e loro aiutano me, che sono i miei compagni ... Loro sono il mio stormo!!!

nella foto una parte del mio stormo... perché noi ridiamo, scherziamo e voliamo!!!!!




ECCOCI CON NUOVI ARTICOLI NEL SITO

Vi aspettiamo per leggere e condividere le nostre esperienze

Pettorina, laccio, volo, trainer… facciamo chiarezza!

07/10/2017 Civitavecchia il quarto convegno nazionale 
“Allevamento ed Etologia dei Pappagalli”

Pappagalli in Vendemmia 8 Ottobre 2017


grazie

venerdì 6 ottobre 2017

Le critiche costruttive fanno bene alla salute

Le critiche costruttive fanno bene alla salute



È tanto importante saper fare una critica costruttiva quanto saperla accettare. Bisogna imparare a vestire i panni degli altri e fare in modo che la nostra opinione serva loro per migliorarsi, infatti NOI dell’associazione PAPPAGALLI IN VOLO abbiamo un motto che ci accomuna: DARE PER FARE.
Le critiche costruttive non hanno niente a che vedere con una vita piena di lamentele e frustrazioni. Cosa c’è di diverso? L’atteggiamento! Le critiche costruttive servono ad aiutare gli altri, mentre le lamentele e le frustrazioni* non fanno altro che dare fastidio e spesso irritano, stancano e dimostrano ciò che si è: DEI PERFETTI IDIOTI!
La critica costruttiva aiuta a sviluppare valori propri da rispettare.
Alcuni sono la lealtà, l’onestà e il rispetto. Poiché spesso viene mal interpretata, VI consigliamo di specificare le vostre intenzioni prima di avanzare la “critica” che volete esprimere.
In questo modo, eviterete le incomprensioni e otterrete una predisposizione migliore da parte di chi riceve questi commenti.
Le critiche distruttive si usano per attaccare gli altri; le critiche costruttive, per aiutarli, QUESTO è il nostro modo di operare, NON è difficile… Imparare a gestire le critiche costruttive degli altri ci aiuta a risolvere sia problemi interni sia conflitti esterni e sociali. Mettersi nei panni degli altri è davvero molto produttivo… A volte però mettersi nei panni di persone che sono dei cretini “RICONOSCIUTI” non è facile, ci sono persone che sono veri e propri specialisti in questo campo (essere dei cretini), sono persone che vivono praticamente solo per criticare ciò che fanno gli altri. Ma ci siamo mai chiesti cosa si cela dietro a costoro?
Il niente, il nulla, il vuoto assoluto che hanno nella loro vita sia familiare che professionale, resta solo l'unica cosa che è gratis per questa categoria di soggetti: l'invidia!
Non è un caso che le bugie sono create dagli invidiosi, ripetute dai cretini e credute dagli idioti....
Quindi noi tutti dello staff dedichiamo questa riflessione a questi personaggi : Non è stato ancora inventato il successo senza invidia....

#staytuned >>> Lo staff

*ndr: Con il termine frustrazione s'intende quello stato psicologico derivante da un mancato o inibito bisogno dovuto a cause esterne o a cause endogene ovvero lo stato psichico in cui ci si viene a trovare quando si è bloccati o impediti nel soddisfacimento di un proprio bisogno o desiderio.

mercoledì 27 settembre 2017

sabato 23 settembre 2017

Parlare male degli altri... Credete davvero che uniti vincerete?

C’era una volta una donna cui non piaceva per niente quello che il vecchio sacerdote aveva da dirle. Arrivò il giorno in cui non riuscì più a sopportare le parole del suo pastore.
Sapeva che era tutto vero… ma la irritava tanto! Allora cominciò a raccontare in giro tante storie false e cattive sul sacerdote per mettere tutti contro di lui con i suoi pettegolezzi. Tuttavia, più ne diceva, più si sentiva triste. Cominciò a pentirsi delle menzogne dette. A un certo punto non ne poté più, e in lacrime si recò dal sacerdote per chiedergli perdono. “Ho raccontato tante bugie su di lei”, disse. “Per favore, mi perdoni!”
Il sacerdote non rispose subito. Sembrava immerso nei suoi pensieri e in preghiera. Alla fine disse: “Sì, ti perdono, ma prima devi fare una cosa”. “Che devo fare?”, chiese lei, un po’ sorpresa.
“Vieni con me in cima al campanile e ti farò vedere”, rispose lui, guardandola negli occhi. “Prima, però, devo prendere qualcosa nella mia camera”.
Il sacerdote tornò con un gran cuscino sotto il braccio. La povera donna riusciva a stento a nascondere la sua sorpresa e la sua crescente curiosità.
Sempre più perplessa, riusciva a stento a trattenersi dal chiedere a che cosa servisse il cuscino e perché stessero salendo in cima al campanile. Comunque, rimase in silenzio finché, un po’ affannati, raggiunsero la cima.
Il vento soffiava dolcemente attraverso le grandi finestre. Dal campanile si vedeva tutta la campagna che circondava il paesino. Improvvisamente, senza una parola, il sacerdote strappò la fodera del cuscino e buttò le piume fuori dal campanile.
Il vento e la brezza portarono le piume dappertutto: sui tetti, per le vie, sotto le macchine, sugli alberi, nei cortili dove i bambini stavano giocando, sulla strada… sempre più lontano.
Il sacerdote e la donna guardarono a lungo le piume che ondeggiavano nel vento. Poi lui disse: “Ora voglio che tu vada a raccogliere tutte le piume!”
“Raccogliere tutte le piume?”, ripeté lei con il fiato mozzo. “Ma è impossibile!”
“Lo so”, disse il sacerdote. “Quelle piume sono come le bugie che hai detto su di me. Non puoi fermare quello che hai iniziato, anche se sei pentita.
Forse puoi dire ad alcune persone di aver mentito, ma i venti del pettegolezzo hanno portato le tue bugie dovunque. Puoi spegnere un fiammifero, ma non il grande incendio che un fiammifero può causare!”

“Così anche la lingua è un piccolo membro eppure si vanta di grandi cose. Ecco, qual piccolo fuoco ci vuole per incendiare una grande foresta!” – Giacomo 3:5

Buona serata... non occorre essere dei geni per capire con chi si gioca a scacchi!!

giovedì 21 settembre 2017